A5)  Guadagni e perdite di Carbonio organico del suolo

La quantificazione degli effetti della gestioni dei terreni coltivati e delle praterie sul bilancio di GHG è attualmente insufficiente a livello Europeo, e particolarmente per le Nazioni del Mediterraneo. Una revisione dei dati disponili nelle Istituzioni che effettuano l’inventario delle emissioni e assorbimenti per le terre coltivate e le praterie permetterà di valutare la qualità dei dati attualmente utilizzati e l’identificazione delle lacune presenti. Questa Azione mira a valutare la qualità e quantità di dati disponibili per il Carbonio organico presente nel suolo minerale. I dati raccolti relativi alle Nazioni coinvolte in MediNet, saranno inseriti in un database comune che riporterà i dati di quantità di Carbonio organico del suolo (es. concentrazioni e/o stock di Carbonio) per le diverse topologie sistemi di gestione delle terre coltivate e delle praterie cosi come definite nell’Azione A.2.

Un ulteriore scopo di questa Azione consiste nell’identificazione di nuovi fattori collegati al cambiamento di sistema di gestione all’interno delle diverse categorie dei terreni coltivati e delle praterie.

 

Gli argomenti trattati in questa Azione si focalizzeranno principalmente su:

‚Äč

  • Scambio di dati relativi al Carbonio organico dei suoli per i diversi sistemi di gestione delle terre coltivate e delle praterie

  • Metodi per rilevare cambiamenti di Carbonio organico del suolo nelle diverse tipologie di sistemi di gestione dei terreni coltivati e delle praterie

  • Disponibilità di dati di Carbonio organico del suolo per i diversi sistemi di gestione delle terre coltivate e delle praterie

  • Opportunità e difficolta nell’utilizzo del database di suolo LUCAS